(Nota: questo è il terzo post di una serie che inizia qui e prosegue qui)

Nella puntata precedente abbiamo visto come far fare il social login all’applicazione frontend, ora è il momento di configurare l’applicazione backend perché non permetta ad utenti non autenticati di accedere all’API.

Premessa: la mia applicazione backend è scritta in Kotlin, per cui i pezzi di codice che incollerò potranno essere leggermente diversi da quelli della maggior parte dei tutorial che si trovano in rete, che sono scritti in Java, ma confido che si riescano a leggere lo stesso.

La prima cosa da fare per configurare un’applicazione Spring Boot per avere l’autenticazione è, appunto, avere una classe di configurazione per l’autenticazione: per farlo, è sufficiente annotare una classe con @Configuration, @EnableWebSecurity e @EnableGlobalMethodSecurity(prePostEnabled = true).

La classe in questione, che nella mia applicazione si chiama JwtSecurityConfiguration, estende WebSecurityConfigurerAdapter, e ne fa l’override di alcuni metodi, il più importante dei quali è configure(http: HttpSecurity), all’interno del quale dichiarativamente si può impostare la configurazione dell’autenticazione HTTP.

Di seguito la mia configurazione:

val aep = AuthenticationEntryPoint { request, response, authException ->
    if (authException is InsufficientAuthenticationException && request.requestURI.contains("/api/v1")) {
        response.status = 401
        response.writer.write(authException.message)
        response.writer.flush()
        response.writer.close()
    } else {
        response.sendRedirect("/")
    }
}

http
.authorizeRequests()
.antMatchers("/api/v1/authenticate", "/", "/app/**/*").permitAll()
.anyRequest().fullyAuthenticated()
.and()
.logout().logoutRequestMatcher(AntPathRequestMatcher("/logout"))
.logoutSuccessUrl("/")
.and()
.cors()
.and()
.csrf().disable()
.sessionManagement().sessionCreationPolicy(SessionCreationPolicy.STATELESS)
.and()
.exceptionHandling()
.authenticationEntryPoint(aep)
.and()
.addFilterBefore(JwtLoginFilter(jwtTokenService), UsernamePasswordAuthenticationFilter::class.java)

La dichiarazione è piuttosto lunga e articolata, quindi vediamola un pezzo per volta:

Innanzitutto diciamo che gli URL che corrispondono a /api/v1/authenticate, / e alla cartella degli asset statici sono accessibili anche dagli utenti non autenticati, mentre tutti gli altri richiedono che l’utente sia fully authenticated.

Poi definiamo qual è l’URL che slogga gli utenti (banalmente, /logout) e dove redirigerli dopo che si sono sloggati, abilitiamo CORS e disabilitiamo CSRF e stabiliamo come gestire le sessioni (in maniera stateless, perché il token JWT tanto verrà passato con ogni richiesta).

Poi ancora definiamo come gestire le eccezioni di autenticazione, che vedete in alto nel mio blocco di codice: se si tratta di una AuthenticationException lanciata mentre si faceva una richiesta all’API, allora il metodo API deve ritornare 401, altrimenti il browser viene rediretto all’home page.

Infine, mettiamo un filtro nella catena di filtri che viene eseguita prima di ogni richiesta per verificare che ci sia l’header Authorization con il token JWT.

Il filtro in questione è fatto così:

class JwtLoginFilter(private val jwtTokenService: JwtTokenService) : OncePerRequestFilter() {

    private val headerName = "Authorization"
    private val headerPrefix = "Bearer "

    override fun doFilterInternal(
        request: HttpServletRequest,
        response: HttpServletResponse,
        filterChain: FilterChain
    ) {
        val authorizationHeader = request.getHeader(headerName)

        if (authorizationHeader != null && authorizationHeader.startsWith(headerPrefix)) {

            val token = authorizationHeader.substring(headerPrefix.length)

            if (jwtTokenService.isValidToken(token)) {

                val username = jwtTokenService.getUsernameFromToken(token)

                val usernamePasswordAuthenticationToken = UsernamePasswordAuthenticationToken(username, "")
                usernamePasswordAuthenticationToken.details = WebAuthenticationDetailsSource().buildDetails(request)
                SecurityContextHolder.getContext().authentication = usernamePasswordAuthenticationToken
            }
        }

        filterChain.doFilter(request, response)
    }
}

Dove il gotcha è che, per dire a Spring Boot che l’utente è autenticato, dobbiamo settare l’authentication nel SecurityContextHolder, mettendoci esattamente quello che si aspetta.

Tutto pronto quindi, funziona tutto? No, ovviamente, fioccano i 403.

Cosa manca?

Spring Boot è molto pignolo, e dopo essersi sincerato che l’utente che sta eseguendo una richiesta autenticata è, effettivamente, autenticato cerca di ottenerne i dettagli dal servizio configurato per i dettagli degli utenti…che noi però non abbiamo ancora configurato.

Nella classe di configurazione, infatti, dobbiamo fare l’override di un altro metodo:

@Throws(Exception::class)
override fun configure(auth: AuthenticationManagerBuilder?) {
    super.configure(auth)
    auth?.userDetailsService(jwtUserDetailsService)?.passwordEncoder(passwordEncoder())
}

@Bean
fun passwordEncoder(): PasswordEncoder {
    // We are not relying on user passwords, so we can use this password encoder.
    return NoOpPasswordEncoder.getInstance()
}

Così facendo, diciamo a Spring Boot di usare il nostro servizio, jwtUserDetailsService, per recuperare i dettagli degli utenti, usando un password encoder che non fa l’encoding delle password: è una pratica assolutamente non sicura, ma nel nostro caso non usiamo le password degli utenti perché ci fidiamo di Google per dire se un utente è effettivamente valido o no, quindi a posto così.

Il JwtUserDetailsService, infine, è piuttosto semplice:

@Service
class JwtUserDetailsService(private val userService: UserService) : UserDetailsService {

    override fun loadUserByUsername(username: String?): UserDetails {
        val user = userService.findByEmail(username!!) ?: throw UsernameNotFoundException(username)

        return org.springframework.security.core.userdetails.User(user.email, user.password, mutableListOf())
    }
}

Cerca un utente su DB per username, che è quello che abbiamo messo in precedenza nel SecurityContext, e ritorna un oggetto User corrispondente.

Per stavolta direi che può bastare così: nella prossima, e ultima, puntata, vedremo l’implementazione dell’endpoint di autenticazione e la generazione del token JWT.

Categorie: Nerd

1 commento

Autenticazione via token JWT con Angular e Spring Boot: parte 1, Google login con Angular - Raibaz. · 10 Ottobre 2019 alle 13 h 53 min

[…] prossima puntata, in compenso, inizieremo a vedere come configurare Spring Boot per gestire l’autenticazione e […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *